- K B I - Know Best Inference

Equilibrio emotivo

Kofler Massimo

Pesca! Forza! Tira pescatore! Pesca, non ti fermare. Anche quando l'onda ti solleva forte ... e ti toglie dal tuo pensare...
E ti spazza via, come foglia al vento... che vien voglia di lascarsi andare. Più leggero nel suo abbraccio forte... Ma è così cattiva poi la morte?
(Pierangelo Bertoli)

È mia umile opinione che l'equilibrio emotivo non sia efficacemente sintetizzabile con un indicatore statistico, come la media, la mediana o la moda.

La vita reale è movimento e mutamento, apparentemente come in un film. Però, metaforicamente, tra un fotogramma e il successivo c'è troppo contenuto informativo ignoto, mascherato, buio o inconscio che pare (o forse è) sostanzialmente illogico, incomprensibile. (Forse Erebo, figlio di Caos detta la sua legge...).

Dunque, relativamente alla emotività degli umani, sono in sostanziale disaccordo con un'affermazione di Dmitrij Ivanovič Mendeleev, l'inventore della tavola periodica degli elementi.

Mendeleev fornì un sistema di classificazione in grado di prevedere persino le caratteristiche di elementi chimici non ancora scoperti... ed affermò: "esiste ovunque una media nelle cose: essa è determinata dall’equilibrio".

Ecco, per quanto attiene all'emotività, l'avverbio "ovunque" mi pare errato poiché l'equilibrio è temporalmente infinitesimale e dunque apparente e discontinuo ...(pertanto, come premesso, non efficacemente sintetizzabile con un parametro descrittivo).

In via sostanziale, il "ragazzo", "buono", "bravo" ed "equilibrato" che in un "raptus di follia" compie una strage, forse suggerisce di servirsi di statistiche di tipo non parametrico, ammesso che possano essere di una qualche utilità nell'attuale livello di indagine scientifica.

·

* * * BACK TO KBI MAIN PAGE * * *

© 2016 KBI Inference by Massimo Kofler. General contact kbi@kbi.it